CASE STUDY

PEOPLE DEVELOPMENT:
UN PERCORSO DI EMPOWERMENT DEDICATO ALLA COMUNITÀ TECNICA DI UN’AZIENDA

Case Study

People Development

Azienda

Multinazionale nel settore semiconduttori

Luogo

Italia

A cura di

Ornella Serrantini
Febbraio 2020

LA SFIDA: DA “CLARK KENT” A “SUPERMAN” 

Quando ci hanno chiamato per questo progetto (facevamo già diversi laboratori di self-empowement in quella azienda) abbiamo capito subito che sarebbe stato qualcosa di radicalmente diverso. E difficile.

Avevamo conosciuto alcuni membri di quella comunità in altre aule, e per la maggior parte erano davvero persone molto introverse e difficili da coinvolgere, da scalfire. Inoltre, la carriera tecnica in azienda esisteva “formalmente” già da anni, quindi molti di loro vi erano “parcheggiati” già da tempo, senza aver ricevuto reali opportunità di sviluppo.

Capimmo subito che serviva un intervento di impatto, ma che non sarebbe stato sufficiente. Abbiamo lavorato insieme ad HR proprio per costruire le coerenze organizzative, i presupposti culturali (nella linea, nei capi diretti, ma anche negli executive) affinché una nuova compagine fosse integrata in azienda. Ci immaginavamo una comunità fatta di membri attivi, proattivi, riconosciuti, visibili, autorevoli.

L’AZIONE: UN PERCORSO COORDINATO TRA SVILUPPO INDIVIDUALE E SVOLTE ORGANIZZATIVE

Sul campo, abbiamo progettato un laboratorio residenziale che negli anni si è arricchito e aggiornato.
Il percorso comprende:

Il percorso si apre con un kick off con tutti i partecipanti in cui l’executive VP spiega il senso e gli obiettivi dell’iniziativa, noi, insieme a l’HR business partner, spieghiamo gli step del percorso e l’approccio metodologico. Il percorso, successivamente al kick off, si articola come segue:

Un kick-off nel quale i partecipanti e i loro responsabili diretti vengono ingaggiati

Un colloquio individuale di attivazione